IL CONDOMINO IN POTENZIALE CONFLITTO D’INTERESSE PUO’ VOTARE SULL’ORDINE DEL GIORNO

ASSAZIONE 25 GENNAIO 2018, N. 1853
La Suprema Corte, nel confermare le decisioni dei Giudici di merito, respinge il ricorso e decreta la legittimità della decisione assembleare, ribadendo il proprio chiarissimo orientamento, già espresso in altre decisioni precedenti, secondo il quale i condomini in potenziale conflitto di interessi non hanno alcun obbligo di astenersi dalle decisioni della assemblea. Le maggioranze necessarie per approvare le delibere, osserva ancora la Corte, sono inderogabilmente quelle previste dalla legge in rapporto a tutti i partecipanti ed al valore dell’edificio, compresi quindi i condomini in potenziale conflitto di interessi
Estratto a cura del Centro Studi Nazionale ANACI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *